era una casa molto carina senza soffitto senza cucina…

di bruno bernardini                                                         Viterbo,  8 novembre 2020

Al secondo mese di lavori di ristrutturazione della Romanella ci troviamo a questo punto:

è stata demolita tutta la soffitta e a volte in casa sono piovuti acqua e calcinacci.

Così si è creato lo spazio per realizzare un cordolo antisismico lungo tutto il perimetro, sotto il pavimento già esistente.

Creata la cassaforma, all’interno sono state poste l’armatura e alcuni corrugati per gli impianti, successivamente si è gettato il calcestruzzo, livellato e preparati i provini per testarne la resistenza

Con i blocchi di POROTON si realizzano muri portanti e il nostro secondo piano viene ricostruito con questo materiale.

Intanto con i materiali di recupero, io e Matteo abbiamo iniziato a costruire l’aiuola di un orto rialzato